vallesiciliana.it

Notizie locali e altro

Sassa 7 – 14 luglio 2009

Questo è un breve scritto che ho partorito dopo la seconda esperienza di volontariato all’interno del campo di Sassa. Eravamo in tanti provenienti sia dalla Valle Siciliana che da altre località, accomunati da un unico intento, quello di dare una mano in un luogo ancora ben lungi dall’esser tornato alla normalità.

amicisassa

Esiste in Italia un ambiente nel quale si riesce ancora ad essere protagonisti della vita del paese. E’ il volontariato, una rete enorme in grado di supplire alle tante mancanze della rete istituzionale dello Stato.
In seguito al terremoto del 6 aprile scorso anche il Club Alpino Italiano è entrato ufficialmente nella grande famiglia della Protezione Civile. Oggi essere un volontario del CAI permette di essere protagonisti diretti nell’organizzazione e gestione di un campo della Protezione Civile. In una contesto socio-politico in cui l’occupazione nepotistica e autoreferenziale dei centri di potere è la norma questa è un’opportunità da sfruttare assolutamente. I trentenni e quarantenni di oggi, che nel resto del mondo civilizzato governano paesi e multinazionali, in Italia sono ancora considerati troppo giovani per assumere ruoli esecutivi di primo piano, visti come incapaci di assumersi quelle responsabilità che invece svolgono egregiamente nella quotidianità della vita familiare.
Le dinamiche gestionali che si vivono all’interno dei campi della Protezione Civile, dove l’urgenza dei problemi da risolvere è il risultato primario al quale deve tendere qualsiasi sforzo, permettono di far emergere i soggetti più capaci e disponibili.
Come socio della sottosezione di Pietracamela del Club Alpino Italiano di Isola del Gran Sasso ho avuto la fortuna di partecipare a due turni nei campi della Protezione Civile. Il primo, avvenuto a fine aprile in piena emergenza iniziale ci ha permesso di comprendere cos’è la Protezione Civile, come funziona e chi sono i volontari che la tengono in piedi. Persone dal grandissimo spessore umano, molto qualificate ma semplici e senza sovrastrutture animate unicamente da una grande voglia di fare e di rendersi utili. Il secondo, avvenuto nella prima metà di luglio quando la gestione dei campi era già incanalata verso una situazione di ordinaria quotidianità, ci ha permesso di fare un ulteriore scatto soprattutto a livello personale fino ad arrivare a percepire di essere parte integrante di un grande meccanismo utile alla collettività. Durante le lunghe giornate trascorse a Sassa tutti noi volontari abbiamo avuto modo di sentire che più passavano i giorni più diventavamo indipendenti e autonomi nello svolgimento del nostro ruolo. Alla fine del nostro soggiorno tutti abbiamo avuto la netta sensazione di essere in grado di adempiere ai nostri ruoli in completa autonomia.
Un risultato determinato in parte dal grande affiatamento presente all’interno del nostro gruppo ma anche dalle fantastiche doti umane che abbiamo riscontrato nei gruppi dei volontari dell’ANA con cui abbiamo avuto la fortuna di lavorare. Persone che non si sono mai lamentate per i carichi di lavoro da portare a termine o per la mansioni da adempiere.
Ci sono due episodi che mi sono rimasti particolarmente impressi nel corso di questa nostra ultima esperienza al campo.
Il primo è avvenuto quasi subito la mattina del secondo giorno di permanenza al campo. Il capo-campo mi porta in disparte per dirmi: “lo vedi quel container? Contiene una cucina nuova di zecca che la Electrolux ha donato alla Protezione Civile. E’ bellissima, ha forni, fornelli e bracieri completamente elettrici. Il capo cucina non se la sente di usarla, ti va di avviarla tu? Domani stai tutto il giorno lì dentro, mettila in funzione e comincia a cucinarci. Il prossimo turno che arriva deve avere qualcuno che sia in grado di spiegargli come farla andare”. Per completezza di cronaca aggiungo che io a casa non cucino mai, lo fa mia moglie, non che non sia capace, in cucina mi arrangio egregiamente ma non avrei mai pensato che un giorno avrei cucinato secondo e contorno per 600 persone. Riuscirci è stata una gran soddisfazione.
Il secondo episodio è avvenuto qualche giorno dopo. A differenza di noi del CAI che cambiamo turno di martedì, gli alpini effettuano il cambio il sabato, una scelta azzeccata che permette di avere all’interno della cucina una squadra già ambientata al tipo di esigenze richieste. Sabato 4 luglio, nel mezzo del nostro turno di permanenza, si presenta al campo la nuova squadra dei volontari ANA. Si tratta spesso di persone di una certa età che soprattutto il primo giorno vagano un po’ spaesate per la cucina senza sapere bene cosa fare. Ad un certo punto mi si avvicinano due uomini canuti (scoprirò successivamente essere due ingegneri ultrasessantenni) che mi chiedono “cosa possiamo fare?” Mi volto un attimo e vedo vicino ai lavelli una pila di pentole sporche, non ci penso su un attimo e rispondo “lavate le pentole”. I due obbediscono senza fiatare e le vanno a lavare. Da quel momento non si sono più mossi dai lavelli, hanno lavato pentole per il resto della loro permanenza al campo senza mai lamentarsi per la loro mansione, credo che abbiano consumato scatole intere di guanti in lattice e litri su litri di detersivo. Ogni volta che li osservavo sorridevano felici, lo stesso sorriso aperto e soddisfatto che avevamo tutti.
Concludo questa breve nota ringraziando il gruppo di amici che hanno reso indimenticabile questa esperienza. Andrea, Antonietta, Franca, Francesco, Gina, Massimo, Nino e Serenella, le vostre facce soddisfatte per me sono un ricordo indelebile.

Annunci

22 luglio 2009 Posted by | L'Aquila, Terremoto, Varie | Lascia un commento

Chi ricostruirà l’Abruzzo ?

La promessa di una ricostruzione affidata ad imprese del luogo fatta dal primo ministro Silvio Berlusconi si sta rivelando quello che in molti temevano, una frase fatta per far stare buoni gli abitanti delle zone colpite dal sisma e niente di più.

I primi appalti per la ricostruzione sono stati affidati a due ditte del Nord nonostante l’unica impresa locale abbia fatto un’offerta economicamente più vantaggiosa offrendo uno sconto più che doppio rispetto a chi ha vinto. Si tratta di costruire le piattaforme antisismiche in cemento armato su cui poi inserire alloggi provvisori o definitivi. In un caso l’impresa vincente ha promesso di finire i lavori in anticipo, pur dovendo portare operai dal Nord e dovendoli poi alloggiare nel cantiere. E non si tratta di qualche decina di persone ma di diverse centinaia. Ma quello che più appare strano è che le relazioni tecniche presentate dall’abruzzese Imar, se pur perfettamente uguali a quelle del vincitore, hanno preso fra i voti più bassi assegnati dalla Protezione Civile.

In tanti aspettano di vedere l’Impregilo in azione, la stessa che ha costruito l’ospedale San Raffaele a L’Aquila, per chi non lo ricordasse quello crollato come un castello di sabbia.

Che gli abruzzesi hanno perso fiducia in questo esecutivo è chiaro a tutti, basta vedere la percentuale dei votanti alle ultime europee, ben inferiore al 30%. La motivazione ufficiale è che ci sono state diverse scosse, ma andando a vedere non sono state numerose e la più forte è stata di grado 2.4, avvertibile si, ma non tanto da terrorizzare una popolazione purtroppo abituata a ben peggio. Ma da un uomo che invitava ad andare tutti al mare a spese dello stato o a fare campeggio fuori stagione che cosa si ci può aspettare?

Qualcuno spera ancora che con l’arrivo del freddo non ci siano più le tende, sono gli stessi che la notte del 24 dicembre aspettano l’arrivo di Babbo Natale con le sue renne. Quello che più fa male è sentirsi abbandonati dopo l’iniziale gara di solidarietà partita da tutto il mondo, oggi l’Abruzzo fa notizia solo se qualche cantante fa un concerto di beneficenza, grazie ma abbiamo bisogno di ben altro che di una canzone per quanto bella e significativa.

6 Aprile 2009

Io non posso dimenticare.

Tu lo vuoi ?

18 giugno 2009 Posted by | L'Aquila, Politica, Terremoto | 3 commenti

Montecitorio, 16 giugno 2009

17 giugno 2009 Posted by | L'Aquila, Politica, Terremoto | Lascia un commento